Bandi Marchi+3, Disegni+4 e Brevetti+: in autunno riapriranno i termini di presentazione delle domande

A partire dai mesi di settembre e ottobre verranno riaperti per le Pmi i termini di presentazione delle domande per richiedere i contributi agevolativi previsti dai bandi Marchi+3, Disegni+4 e Brevetti+: lo ha annunciato il Ministero dello Sviluppo economico attraverso un avviso pubblicato sul proprio sito. In particolare, i termini di presentazione delle domande sono i seguenti:

  1. dal 30 settembre per il bando Marchi+3, che dispone di ulteriori 4 milioni di euro;
  2. dal 14 ottobre per il bando Disegni+4, che dispone di ulteriori 14 milioni di euro;
  3. dal 21 ottobre per il bando Brevetti+, che dispone di ulteriori 25 milioni di euro.

Al riguardo si ricorda quanto segue:

  1. il bando Disegni+4 (art. 8 del D.M. 26 novembre 2019) è finalizzato ad incentivare i processi di valorizzazione e di sfruttamento economico dei disegni/modelli industriali sui mercati nazionale e internazionale da parte delle micro, piccole e medie imprese. Gli incentivi in esame sono finalizzati all’acquisto di servizi specialistici esterni per favorire:
    1. la messa in produzione di nuovi prodotti correlati a un disegno/modello registrato (Fase 1 – Produzione);
    2. la commercializzazione di un disegno/modello registrato (Fase 2 – Commercializzazione). Le domande di agevolazione già presentate alla data del 27 maggio 2020 e per le quali è stato attribuito il numero di protocollo on line ma che non hanno trovato copertura finanziaria con le risorse stanziate, saranno immediatamente avviate all’esame istruttorio da parte di Unioncamere (soggetto gestore);
  2. il bando Marchi+3 (art. 1 del D.M. 26 novembre 2019) è finalizzato a favorire la registrazione di marchi comunitari presso l’EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la proprietà intellettuale) e la registrazione di marchi internazionali presso l’OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale). Le domande di agevolazione già presentate alla data del 10 giugno 2020 e per le quali è stato attribuito il numero di protocollo on line ma che non hanno trovato copertura finanziaria con le risorse stanziate, saranno immediatamente avviate all’esame istruttorio da parte di Unioncamere (soggetto gestore);
  3. per quanto riguarda il bando Brevetti+, la norma precisa che, come per i precedenti bandi, le domande di agevolazione già presentate alla data del 31 gennaio 2020 e che non hanno trovato copertura finanziaria con le risorse stanziate, saranno immediatamente avviate all’esame istruttorio da parte di Invitalia (soggetto gestore).
logo