Nomina dei liquidatori obbligatoria in caso di apertura di una procedura di liquidazione controllata o giudiziale

E’ stato approvato dal Consiglio dei Ministri un decreto legislativo contenente modifiche al Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (D.Lgs. 12 gennaio 2019, n. 14). Quest’ultimo modificava tra l’altro l’art. 2484, comma 1, del codice civile, stabilendo che l’apertura della liquidazione controllata e della liquidazione giudiziale sono causa di scioglimento della società di capitali.

Il decreto correttivo:

  1. interviene sulla norma aggiungendo il rinvio agli articoli 2487 e 2487-bis del codice civile. Di conseguenza, anche in caso di apertura di una procedura di liquidazione controllata o giudiziale, l’assemblea è tenuta a nominare i liquidatori;
  2. modifica l’art. 2487-bis, comma 3, c.c., prevedendo che quando nei confronti della società è stata aperta la procedura di liquidazione giudiziale o di liquidazione controllata, il rendiconto sulla gestione è consegnato dagli amministratori uscenti anche, rispettivamente, al curatore o al liquidatore della liquidazione controllata.

Si prevede inoltre che l’elenco che le Camere di Commercio devono rendere disponibile ai creditori qualificati per agevolarli nell’adempimento dei loro obblighi di segnalazione riguarda non le imprese già sottoposte a misure di allerta, ma quelle alle quali tali misure sono applicabili.

logo