Cinque per mille, disponibile il software per la compilazione della domanda

Da ieri è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate il software per la compilazione dell’istanza di accesso al cinque per mille dell’Irpef.

Gli enti beneficiari sono tenuti ad adempiere ai seguenti obblighi:

  1. redigere un apposito rendiconto, entro un anno dalla ricezione delle somme;
  2. inviare detto rendiconto all’Amministrazione erogatrice entro i successivi 30 giorni;
  3. predisporre ed inviare – assieme al rendiconto – una relazione illustrativa, dalla quale “risultino in modo chiaro, trasparente e dettagliato” la destinazione e l’utilizzo delle somme percepite;
  4. pubblicare sul proprio sito – entro 30 giorni dalla scadenza dell’anno (di cui sopra) – gli importi percepiti e il rendiconto, comunicandolo all’Amministrazione erogatrice entro i successivi 7 giorni.

Le finalità alle quali il contribuente può destinare il cinque per mille della propria Irpef sono:

  1. sostegno di uno dei seguenti enti (semprechè siano iscritti nell’apposito Registro unico nazionale, istituito dall’art. 4, comma 1, lettera m), della Legge n. 106/2016):
    • organizzazioni di volontariato;
    • associazioni di promozione sociale;
    • enti filantropici;
    • imprese sociali;
    • cooperative sociali;
    • reti associative;
    • società di mutuo soccorso;
    • fondazioni;
    • ogni altro ente costituito in forma di associazione (riconosciuta o non riconosciuta) per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche, di utilità sociale, mediante lo svolgimento di una o più attività di interesse generale in forma volontaria e di erogazione gratuita di denaro, beni o servizi, di mutualità o di produzione o scambio di beni o servizi;
  2. finanziamento della ricerca scientifica e dell’università;
  3. finanziamento della ricerca sanitaria;
  4. sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza del contribuente;
  5. sostegno delle associazioni sportive dilettantistiche, riconosciute dal Coni ai fini sportivi, che svolgono una rilevante attività di interesse sociale;
  6. finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici (di cui all’art. 23, comma 46, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modifiche dalla Legge 15 luglio 2011, n. 111).
logo