Entro giovedì 25 ottobre il 730 integrativo

Scadrà giovedì 25 ottobre il termine di presentazione – al Caf o al professionista abilitato – del modello 730 “integrativo” da parte dei contribuenti che hanno presentato il modello 730 e si accorgono di non aver fornito alcuni elementi da indicare nella dichiarazione che non incidono sulla determinazione dell’imposta o che comportano un rimborso o un minor debito fiscale.

Al riguardo si precisa inoltre quanto segue:

  1. detto invio è possibile solo se l’integrazione comporta un maggiore credito, un minor debito o un’imposta invariata;
  2. sono interessati all’adempimento i soggetti che si sono avvalsi dell’assistenza fiscale e hanno presentato il modello 730;
  3. la dichiarazione integrativa può essere consegnata direttamente al Caf;
  4. i riferimenti normativi di tale adempimento sono rappresentati dall’art. 14 del D.M. 31 maggio 1999, n. 164, dal D.P.R. 4 settembre 1992, n. 395 e dal D.M. 7 maggio 2007, n. 63.

Si ricorda infine che il 31 ottobre è l’ultimo giorno utile per la presentazione del modello Redditi precompilato e per inviare il modello Redditi correttivo del 730.

Tra le principali novità del modello 730/2018 si ricordano le seguenti:

  1. cambiano le detrazioni per gli interventi antisismici effettuati su parti comuni condominiali e per gli interventi che comportano una riduzione della classe di rischio sismico e per alcune spese per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali;
  2. passa da 564 a 717 euro il limite per le spese di istruzione per la frequenza di scuole dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado del sistema nazionale d’istruzione;
  3. entra nel modello anche la nuova disciplina relativa alle locazioni “brevi”;
  4. è stato aggiornato il rigo F8, per l’indicazione delle ritenute riportate nel quadro Certificazione Redditi-Locazioni brevi della Certificazione Unica 2018;
  5. passa da 2mila a 3mila euro l’importo delle somme relative ai premi di risultato erogate nel settore privato ai lavoratori dipendenti.
logo