I buoni carburante sono esentasse, a determinate condizioni: le regole chiarite dalle Entrate

|

Ai sensi dell’art. 2 del decreto “Aiuti” (D.L. 21 marzo 2022, n. 21, convertito con modifiche dalla Legge 20 maggio 2022, n. 51), i datori di lavoro privati possono – soltanto per il periodo d’imposta 2022 – erogare ai propri dipendenti buoni carburante, o titoli analoghi, esclusi da imposizione fiscale ai sensi dell’art. 51, comma 3, del Tuir, per un ammontare massimo di 200 euro per lavoratore.

Al riguardo, con la Circolare 14 luglio 2022, n. 27/E , l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito a tale misura.

I buoni carburante rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 51, comma 3, ultimo periodo, del Tuir, secondo cui non concorre a formare il reddito di lavoro dipendente il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati se, complessivamente, di importo non superiore, nel periodo d’imposta, a 258,23 euro; se il valore in questione è superiore a tale limite, lo stesso concorre interamente a formare il reddito.

Circolare_n_27_del_14_07_2022

Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano
CF e PIVA 04713120964
Iscritti all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano.

Lavora con noi

Il nostro successo quotidiano dipende dalla qualità delle persone che lavorano nel nostro Studio, è per questo che crediamo nel valore e nel potenziale umano.
Essendo le nostre realtà in continua espansione siamo sempre pronti ad investire su nuove risorse.
Entra a far parte del nostro Team! Inviaci il tuo curriculum vitae, valuteremo con attenzione la tua candidatura con l’obiettivo di coinvolgerti nelle nostre ricerche di personale.






    ALLEGA CURRICULUM VITAE

    Esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali al fine che venga fornito il servizio o eseguita la prestazione richiesta

    Lavora con noi - Work with us
    Close