La Cassazione conferma l’inammissibilità di nuovi motivi in appello

|

Secondo la costante giurisprudenza di legittimità, il contenzioso tributario ha un oggetto rigidamente delimitato dai motivi di impugnazione avverso l’atto impositivo dedotti con il ricorso introduttivo, i quali costituiscono la causa petendi entro i cui confini si chiede l’annullamento dell’atto, anche ai fini dell’art. 24, comma 2, del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546 (così, Corte di Cassazione 24 luglio 2018, n. 19616).

Di conseguenza, nel processo tributario si ritiene inammissibile la deduzione in appello di un nuovo motivo di illegittimità dell’avviso di accertamento (in tal senso si richiama Cass. 24 ottobre 2014, n. 22662).

Tali principi sono stati confermati da ultimo dalla quinta sezione tributaria della Suprema Corte con l’ordinanza 16 maggio 2019, n. 20142, depositata lo scorso 25 luglio.

Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano
CF e PIVA 04713120964
Iscritti all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano.

Lavora con noi

Il nostro successo quotidiano dipende dalla qualità delle persone che lavorano nel nostro Studio, è per questo che crediamo nel valore e nel potenziale umano.
Essendo le nostre realtà in continua espansione siamo sempre pronti ad investire su nuove risorse.
Entra a far parte del nostro Team! Inviaci il tuo curriculum vitae, valuteremo con attenzione la tua candidatura con l’obiettivo di coinvolgerti nelle nostre ricerche di personale.






    ALLEGA CURRICULUM VITAE

    Esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali al fine che venga fornito il servizio o eseguita la prestazione richiesta

    Lavora con noi - Work with us
    Close