Nel Decreto “Aiuti-bis” approvato dal Governo nuove misure per energia, gas e carburanti

|

È stato approvato ieri dal Consiglio dei Ministri il Decreto-Legge “Aiuti-bis”, che interviene con nuove misure per il contrasto al caro-energia e carburanti e all’emergenza idrica, per il sostegno agli enti territoriali, il rafforzamento delle politiche sociali per tutelare il potere d’acquisto, il rilancio degli investimenti.

Tra le principali novità del provvedimento (in bozza) – che ora attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale per entrare in vigore – si segnalano le seguenti:

  1. nell’ambito delle misure di favore sul costo del gas naturale, il Decreto introduce – attraverso la riformulazione dell’art. 22, comma 2-bis , del D.Lgs. 23 maggio 2000, n. 164 – una nuova definizione di “clienti vulnerabili”.
    In particolare, si considerano tali i clienti civili:
    • che si trovano in condizioni economicamente svantaggiate ai sensi dell’art. 1, comma 75, Legge 4 agosto 2017, n. 124;
    • che rientrano tra i soggetti con disabilità ai sensi dell’art. 3, Legge 5 febbraio 1992, n. 104;
    • le cui utenze sono ubicate nelle isole minori non interconnesse;
    • le cui utenze sono ubicate in strutture abitative di emergenza a seguito di eventi calamitosi;
    • di età superiore ai 75 anni.
    A decorrere dal 1° gennaio 2023, i fornitori e gli esercenti il servizio di fornitura di ultima istanza sono tenuti ad offrire ai “clienti vulnerabili” la fornitura di gas naturale a un prezzo che rifletta il costo effettivo di approvvigionamento nel mercato all’ingrosso, i costi efficienti del servizio di commercializzazione e le condizioni contrattuali e di qualità del servizio, così come definiti da ARERA;
  2. l’azzeramento delle aliquote relative agli oneri generali di sistema elettrico applicate, per il quarto trimestre 2022:
    • alle utenze domestiche e alle utenze non domestiche in bassa tensione, per altri usi, con potenza disponibile fino a 16,5 kW;
    • alle utenze con potenza disponibile superiore a 16,5 kW, anche connesse in media e alta/altissima tensione o per usi di illuminazione pubblica o di ricarica di veicoli elettrici in luoghi accessibili al pubblico;
  3. il riconoscimento di un credito d’imposta nella misura dal 15 al 25 per cento delle spese sostenute dalle imprese che subiscono incrementi di costi per energia elettrica e gas nel terzo trimestre per più del 30% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Quanto alle politiche sociali – si legge nel comunicato diramato dal Governo – viene disposta la riduzione del cuneo fiscale in favore dei lavoratori dipendenti per i periodi di paga dal 1° luglio al 31 dicembre 2022, inclusa la tredicesima. Si prevede inoltre l’anticipo al 1° ottobre 2022 della rivalutazione delle pensioni, l’estensione del “bonus 200 euro” a lavoratori attualmente non coperti e il rifinanziamento per 100 milioni di euro nel 2022 del Fondo per il sostegno del potere d’acquisto dei lavoratori autonomi.

Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano
CF e PIVA 04713120964
Iscritti all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano.

Lavora con noi

Il nostro successo quotidiano dipende dalla qualità delle persone che lavorano nel nostro Studio, è per questo che crediamo nel valore e nel potenziale umano.
Essendo le nostre realtà in continua espansione siamo sempre pronti ad investire su nuove risorse.
Entra a far parte del nostro Team! Inviaci il tuo curriculum vitae, valuteremo con attenzione la tua candidatura con l’obiettivo di coinvolgerti nelle nostre ricerche di personale.






    ALLEGA CURRICULUM VITAE

    Esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali al fine che venga fornito il servizio o eseguita la prestazione richiesta

    Lavora con noi - Work with us
    Close