Per le società in arrivo l’obbligo di istituire un adeguato assetto amministrativo e contabile

Le società – in particolare, tutti gli imprenditori diversi dall’imprenditore individuale – saranno tenute a:

  1. istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile “adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa”, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale;
  2. attivarsi “senza indugio” per l’adozione e l’attuazione di uno degli strumenti previsti dall’ordinamento per il superamento della crisi e il recupero della continuità aziendale.

È quanto prevede il nuovo art. 2086, comma 2, nella versione proposta dall’art. 374 del Codice delle crisi d’impresa, approvato nei giorni scorsi in via preliminare dal Consiglio dei Ministri (in attuazione della Legge 19 ottobre 2017, n. 155).

La modifica in commento attua una precisa indicazione contenuta nella legge-delega.

logo