Può chiedere il rimborso dell’imposta il chiamato all’eredità “provvisorio”

|

Qualora all’esito di un giudizio risultino eredi soggetti diversi da coloro che avevano provveduto alla presentazione della dichiarazione di successione, in veste di chiamati all’eredità, e al versamento della relativa imposta, è possibile chiedere il rimborso, dell’imposta illegittimamente pagata, “unitamente agli interessi, alle soprattasse e pene pecuniarie eventualmente pagati”, ai sensi dell’art. 42, comma 1, lett. e), del D.Lgs. 31 ottobre 1990, n. 346: lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con la Risposta all’istanza di interpello 25 maggio 2022, n. 296.

Il documento ha inoltre precisato che, ai sensi del comma 2 dell’art. 28 del medesimo D.Lgs. n. 346/1990, il presupposto dell’obbligo di presentare la dichiarazione risiede non nella qualità di erede accettante l’eredità, ma in quella di chiamato all’eredità (a tal fine si rinvia anche alla circolare 15 marzo 1991, n. 17, Parte VI).

Per l’art. 7, comma 4, del D.Lgs. 346/1990, infine, “Fino a quando l’eredità non è stata accettata, o non è stata accettata da tutti i chiamati, l’imposta è determinata considerando come eredi i chiamati che non vi hanno rinunziato”.

Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano
CF e PIVA 04713120964
Iscritti all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano.

Lavora con noi

Il nostro successo quotidiano dipende dalla qualità delle persone che lavorano nel nostro Studio, è per questo che crediamo nel valore e nel potenziale umano.
Essendo le nostre realtà in continua espansione siamo sempre pronti ad investire su nuove risorse.
Entra a far parte del nostro Team! Inviaci il tuo curriculum vitae, valuteremo con attenzione la tua candidatura con l’obiettivo di coinvolgerti nelle nostre ricerche di personale.






    ALLEGA CURRICULUM VITAE

    Esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali al fine che venga fornito il servizio o eseguita la prestazione richiesta

    Lavora con noi - Work with us
    Close