Reddito di cittadinanza, decreto all’esame dell’Aula del Senato

|

Da ieri è passato all’esame dell’Aula di Palazzo Madama il disegno di legge (A.S. n. 1018) di conversione del D.L. 28 gennaio 2019, n. 4, contenente la disciplina relativa a reddito di cittadinanza, “quota 100” e pensione di cittadinanza.

Tra le numerose novità approvate dalla Commissione Lavoro del Senato, si segnala l’art. 11-bis, che prevede in particolare:

  1. che i fondi paritetici interprofessionali nazionali per la formazione continua possano finanziare, in tutto o in parte, piani di formazione o di riqualificazione professionale previsti dal Patto di formazione di cui all’art. 8, comma 2 , del medesimo decreto-legge. A tal fine viene integrato l’art. 118, comma 1, della Legge 23 dicembre 2000, n. 388 (Finanziaria 2001);
  2. di includere, tra le finalità generali dei medesimi fondi, la promozione dei percorsi formativi o di riqualificazione professionale per i soggetti disoccupati o inoccupati. Al riguardo si ricorda che il testo attualmente vigente del richiamato art. 118, comma 1, stabilisce che i fondi paritetici possano finanziare, in tutto o in parte, piani formativi aziendali, territoriali, settoriali o individuali concordati tra le parti sociali, nonché eventuali ulteriori iniziative propedeutiche e comunque direttamente connesse a detti piani concordate tra le parti.

Nei giorni scorsi, il Garante per la privacy aveva sottolineato in una memoria il meccanismo di riconoscimento, erogazione e gestione del reddito di cittadinanza – così come disciplinato dal testo approvato dal Consiglio dei Ministri a fine gennaio – “comporta trattamenti su larga scala di dati personali, riferiti ai richiedenti e ai componenti il suo nucleo familiare (anche minorenni)”: si pensi ad esempio ai “dati relativi allo stato di salute e alla eventuale sottoposizione a misure restrittive della libertà personale, nonché alle condizioni di disagio, in particolare sotto il profilo economico, familiare o sociale”. Senonchè – avvertiva il Garante, il trattamento dei dati personali, anche se effettuato da Amministrazioni pubbliche e preordinato – come in questo caso – al perseguimento di motivi di rilevante interesse generale, dev’essere progettato e impostato secondo i principi del Regolamento europeo sulla protezione dei dati.

Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano
CF e PIVA 04713120964
Iscritti all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano.

Lavora con noi

Il nostro successo quotidiano dipende dalla qualità delle persone che lavorano nel nostro Studio, è per questo che crediamo nel valore e nel potenziale umano.
Essendo le nostre realtà in continua espansione siamo sempre pronti ad investire su nuove risorse.
Entra a far parte del nostro Team! Inviaci il tuo curriculum vitae, valuteremo con attenzione la tua candidatura con l’obiettivo di coinvolgerti nelle nostre ricerche di personale.






    ALLEGA CURRICULUM VITAE

    Esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali al fine che venga fornito il servizio o eseguita la prestazione richiesta

    Lavora con noi - Work with us
    Close