730 precompilato: entro il 28 febbraio l’opposizione all’invio delle spese sanitarie

Scadrà il prossimo 28 febbraio il termine per la presentazione dell’opposizione a rendere disponibili i dati relativi alle spese sanitarie ai fini della dichiarazione dei redditi precompilata.

Al riguardo si ricorda quanto segue:

  1. l’opposizione può essere esercitata direttamente dal contribuente (assistito);
  2. se l’assistito non ha compiuto i 16 anni di età oppure è incapace di agire, l’opposizione va effettuata per suo conto dal rappresentante o tutore;
  3. per le spese e i relativi rimborsi del 2018, l’opposizione può essere effettuata:
    1. dal 1° al 28 febbraio 2019, accedendo all’area autenticata del sito web dedicato del Sistema Tessera Sanitaria, tramite tessera sanitaria TS-CNS oppure utilizzando le credenziali Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate. In tal modo, è possibile consultare l’elenco delle spese sanitarie e selezionare le singole voci per le quali esprimere la propria opposizione all’invio dei relativi dati all’Agenzia delle Entrate per l’elaborazione della dichiarazione precompilata;
    2. dal 1° ottobre al 31 gennaio 2019, comunicando direttamente all’Agenzia delle Entrate tipologia (o tipologie) di spesa da escludere, dati anagrafici (nome e cognome, luogo e data di nascita), codice fiscale, numero della tessera sanitaria e relativa data di scadenza;
  4. la comunicazione può essere effettuata, utilizzando l’apposito modello disponibile gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate:
    1. inviando una e-mail alla casella di posta elettronica dedicata opposizioneutilizzospesesanitarie@agenziaentrate.it;
    2. telefonando a un centro di assistenza multicanale (numero verde 800909696, 0696668907 da cellulare, +39 0696668933 dall’estero);
    3. consegnando a un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia il modello di richiesta di opposizione.

Lo scorso 7 febbraio, infine, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso disponibili – sul sito www.sistemats.it – i servizi telematici relativi alla consultazione delle proprie spese sanitarie trasmesse al Sistema Tessera Sanitaria (TS), ai fini della predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata.

In particolare, ora è possibile:

  1. consultare i propri dati relativi alle spese sanitarie sostenute negli anni 2017, 2018 e 2019 trasmessi dagli erogatori delle prestazioni;
  2. esportare tali dati;
  3. consultare alcune statistiche quali ad esempio la ripartizione delle spese, sia per tipologia erogatore che per tipologia di spesa, e la relativa distribuzione mensile;
  4. segnalare eventuali incongruenze, con riferimento sia agli importi e alla classificazione della spesa, sia la titolarità del documento fiscale. Per i dati relativi al 2019, il Sistema TS provvederà a trasmettere telematicamente le segnalazioni al soggetto che ha effettuato l’invio, affinché possa procedere all’eventuale correzione;
  5. esercitare – nel mese di febbraio di ogni anno – l’opposizione all’invio di tali dati all’Agenzia delle Entrate per la predisposizione della dichiarazione precompilata. Conseguentemente, il Sistema TS non renderà disponibili all’Agenzia delle Entrate i dati per i quali il contribuente ha presentato una richiesta di opposizione.
logo