Credito d’imposta “botteghe e negozi”, in presenza di più attività occorre verificare quella prevalente

L’art. 65 del decreto “Cura Italia” (D.L. 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modifiche dalla Legge 24 aprile 2020, n. 27) ha introdotto un credito d’imposta a favore degli esercenti attività d’impresa che esercitano in locali in locazione. In particolare:

  1. possono accedere alla misura i titolari di un’attività economica, di vendita di beni e servizi al pubblico, oggetto di sospensione, che abbiano effettivamente corrisposto il canone di locazione relativo al mese di marzo 2020;
  2. il credito d’imposta è riconosciuto nella misura del 60% dell’ammontare del canone di locazione, relativo al mese di marzo 2020, di immobili rientranti nella categoria catastale C/1;
  3. l’incentivo non si applica alle attività di cui agli allegati 1 e 2 del D.P.C.M. 11 marzo 2020 (in quanto tali attività sono state identificate come essenziali, tra cui farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari di prima necessità) ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione;
  4. con la Risoluzione 20 marzo 2020, n. 13/E, e con le Circolari 3 aprile 2020, n. 8/E, e 6 maggio 2020, n. 11/E, sono state fornite le prime istruzioni.

Ora, con la Risposta 13 ottobre 2020, n. 468, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, in caso di esercizio di più attività d’impresa di cui solo alcune oggetto di sospensione, per poter fruire della misura in commento è necessario che le attività rientranti nell’ambito applicativo della medesima siano svolte in maniera prevalente rispetto alle altre esercitate dalla stessa impresa: a tal fine si considerano prevalenti le attività da cui deriva, nell’ultimo periodo d’imposta per il quale è stata presentata la dichiarazione, la maggiore entità dei ricavi o compensi.

Qualora tale prevalenza sussista, il contribuente può beneficiare, fermo restando il rispetto degli ulteriori requisiti, del credito d’imposta in esame calcolato sull’intero importo del canone di locazione relativo al mese di marzo 2020.

logo