Decreto di Agosto, in arrivo una nuova proroga per cartelle, versamenti e mutui

Nel prossimo decreto di Agosto, per il cui finanziamento il Governo si appresta a richiedere al Parlamento l’approvazione di un ulteriore scostamento di bilancio, troveranno posto, oltre a nuove importanti misure in materia di lavoro, una nuova sospensione delle attività di riscossione fino a novembre ed una riscrittura del calendario fiscale per i versamenti delle partite Iva sospesi tra marzo e maggio.

In particolare, per quanto concerne il fisco, il decreto dovrebbe prevedere:

  • un nuovo blocco, con ripresa a partire dal mese di novembre, della riscossione delle cartelle fiscali, solleciti, pignoramenti e ipoteche, che diversamente ripartirebbe dal 1° settembre;
  • un taglio pari al 50 per cento dei pagamenti dovuti quest’anno dalle partite Iva, da versare a partire da settembre, che erano stati sospesi tra marzo e maggio dai decreti emanati a causa della crisi (D.L. n. 18/2020 , D.L. n. 23/2020 e D.L. n. 34/2020 ). Il rimanente 50 per cento verrà suddiviso tra il 2021 e il 2022.
  • un’ulteriore proroga della moratoria sui mutui.

Nell’ambito del lavoro, si sta ragionando sulle seguenti misure:

  • 6 mesi di sgravio al 100% dei contributi per i neoassunti;
  • 3-4 mesi di decontribuzione piena per i dipendenti fatti rientrare dalla cassa integrazione.
logo