Entro il 31 maggio la dichiarazione per aderire alla definizione agevolata dei PVC

Scadrà il 31 maggio il termine di presentazione della dichiarazione per aderire alla definizione agevolata dei PVC, ai sensi dell’art. 1 del D.L. 23 ottobre 2018, n. 119, convertito con modifiche dalla Legge 17 dicembre 2018, n. 136.

Al riguardo si ricorda quanto segue:

  1. entro la stessa data del 31 maggio dovrà essere effettuato il versamento con l’F24, in unica soluzione o della prima rata delle imposte autoliquidate;
  2. sono definibili, con il totale abbattimento di sanzioni e interessi, i processi verbali di constatazione notificati entro il 24 ottobre 2018, in materia di:
    • imposte sui redditi e relative addizionali;
    • Iva;
    • contributi previdenziali;
    • ritenute;
    • imposte sostitutive;
    • Irap;
    • imposta sul valore degli immobili all’estero (Ivie);
    • imposta sul valore delle attività finanziarie all’estero (Ivafe);
    • dichiarazioni ed operazioni doganali in materia di Iva all’importazione;
  3. il contribuente è tenuto a regolarizzare la totalità delle violazioni constatate riferite al singolo periodo di imposta oggetto del processo verbale, senza poter scegliere quali violazioni regolarizzare;
  4. nell’ambito oggettivo della procedura rientrano soltanto le violazioni di carattere sostanziale, cioè le violazioni che hanno inciso sulla determinazione della base imponibile o sul versamento del tributo e che determinano l’applicazione di sanzioni con atto contestuale all’avviso di accertamento relativo al tributo cui le stesse si riferiscono;
  5. la definizione agevolata si applica ai periodi d’imposta oggetto del pvc per i quali alla data del 31 dicembre 2018 sono ancora in corso i termini per l’attività di accertamento, tenuto conto anche del raddoppio dei termini;
  6. la definizione agevolata in esame è ammessa anche qualora successivamente al 24 ottobre 2018 siano state effettuate attività di controllo aventi ad oggetto le violazioni constatate nel processo verbale oggetto della definizione agevolata;
  7. in materia si rinvia inoltre al Provvedimento direttoriale 23 gennaio 2019, n. 17776 e alla Circolare 9 aprile 2019, n. 7/E.
logo