Società non operative, entro lunedì 5 agosto l’istanza di disapplicazione

Scadrà lunedì 5 agosto – in quanto il termine originario del 3 agosto cade di sabato – il termine di presentazione dell’istanza di disapplicazione per le società non operative.

Al riguardo si precisa quanto segue:

  1. l’adempimento interessa le società che non superano il test di operatività o che risultano in perdita sistematica e che intendono presentare istanza di disapplicazione;
  2. l’istanza di interpello, redatta in forma libera ed esente da bollo, è sottoscritta e presentata dal contribuente agli uffici competenti, e deve contenere, a pena di inammissibilità:
    1. i dati identificati del contribuente e del suo legale rappresentante;
    2. l’indicazione dell’eventuale domiciliatario presso il quale sono effettuate le comunicazioni;
    3. la sottoscrizione del contribuente o del suo legale rappresentante;
  3. nell’istanza il contribuente descrive compiutamente la fattispecie concreta per la quale ritiene non applicabili le disposizioni normative inerenti l’operatività; ad essa va allegata copia della documentazione, con relativo elenco, rilevante ai fini della individuazione e della qualificazione della fattispecie prospettata;
  4. relativamente alle modalità di presentazione, è possibile:
    1. la consegna a mano;
    2. la spedizione a mezzo plico raccomandato con avviso di ricevimento;
    3. l’invio mediante posta elettronica certificata;
    4. l’invio mediante posta elettronica ordinaria, solo per i soggetti non residenti nel territorio dello Stato che non si avvalgono di un domiciliatario nel territorio dello Stato, all’indirizzo dc.norm.interpello@agenziaentrate.it;
  5. le determinazioni della Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate devono essere comunicate al contribuente non oltre 120 giorni dalla presentazione dell’istanza, con provvedimento che è da ritenersi definitivo;
  6. il contribuente può rinunciare all’interpello se, in pendenza dei termini di istruttoria dell’interpello, presenta con le modalità consentite la rinuncia espressa all’interpello;
  7. l’omessa segnalazione, in dichiarazione, della mancata presentazione o della risposta negativa all’istanza di interpello è punita con una sanzione amministrativa da 2mila a 21mila euro (art. 8, comma 3-quinquies, D.Lgs. n. 471/1997).
logo