Tria: “Aumento dell’Iva? Follie”

Le ipotesi di aumento dell’Iva – circolate in questi giorni – sono “follie”: lo ha dichiarato ieri, nel corso di una trasmissione televisiva, il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria.

Viene quindi confermata la posizione assunta anche recentemente sia dal premier, Giuseppe Conte, sia dagli altri leader della maggioranza.

Al riguardo si ricorda che la legge di Bilancio 2019 (Legge 30 dicembre 2018, n. 145) prevede una “sterilizzazione” parziale delle clausole di salvaguardia, nel senso che gli aumenti delle aliquote Iva sono bloccati per il 2019 (art. 1, comma 2, della Manovra).

A decorrere dal 1° gennaio 2020, invece, l’aliquota ordinaria passerà dal 22 al 24,5 per cento (dal 2021 al 25,7 per cento).

logo