Cooperative compliance, nel 2020 e 2021 ammessi anche i contribuenti con volume d’affari non inferiore a 5 miliardi

|

Per gli anni 2020 e 2021, sono ammessi al regime dell’adempimento collaborativo di cui agli articoli da 3 a 7 del D.Lgs. 5 agosto 2015, n. 128 i contribuenti con un volume di affari o di ricavi non inferiore a 5 miliardi di euro: lo ha stabilito il Ministero dell’Economia e delle Finanze con un decreto del 30 marzo 2020 , pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale.

Il provvedimento è stato emanato in attuazione dell’art. 7, comma 4, lettera b), secondo periodo, del citato D.Lgs. n. 128/2015, ai sensi del quale con decreto ministeriale sono stabiliti i criteri in base ai quali possono essere progressivamente individuati gli ulteriori contribuenti ammissibili al regime, che conseguono un volume d’affari o di ricavi non inferiore a 100 milioni di euro o appartenenti a gruppi di imprese.

Si ricorda che con il Provvedimento direttoriale 26 maggio 2017, n. 101573 , l’Agenzia delle Entrate aveva dettato la disciplina del regime di adempimento collaborativo, introdotto nel nostro ordinamento dall’art. 3 del D.Lgs. 5 agosto 2015, n. 128 (emanato in attuazione della delega conferita dall’art. 6 della Legge 11 marzo 2014, n. 23).

Detto regime:

  1. è stato predisposto al fine di promuovere forme di comunicazione e di cooperazione rafforzata tra l’Amministrazione finanziaria e i contribuenti dotati di un sistema di rilevazione, misurazione, gestione e controllo del rischio fiscale (cioè il rischio di operare in violazione di norme di natura tributaria ovvero in contrasto con i principi o con le finalità dell’ordinamento);
  2. si sostanzia in forme di interlocuzione costante e preventiva con il contribuente su elementi di fatto – compresa l’anticipazione del controllo – finalizzata ad una comune valutazione delle situazioni suscettibili di generare rischi fiscali;
  3. comporta l’assunzione di impegni sia per l’Agenzia delle Entrate sia per i contribuenti ammessi al regime e risponde ad esigenze di certezza e di stabilità nell’applicazione della norma tributaria.

Il provvedimento in esame, in particolare:

  • individua nell’ufficio “Cooperative compliance” della Direzione Centrale Accertamento il soggetto competente in via esclusiva per l’esercizio dei poteri istruttori di cui agli articoli 32 e 33 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e articoli 51, comma 2, e 52 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633;
  • stabilisce gli obblighi in capo all’Amministrazione fiscale (collaborazione, correttezza e trasparenza);
  • introduce il principio di “certezza preventiva”;
  • fissa i doveri del contribuente nell’ambito della cooperative compliance;
  • disciplina lo svolgimento della procedura;
  • individua le ipotesi di esclusione dal regime.
Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano
CF e PIVA 04713120964
Iscritti all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano.

Lavora con noi

Il nostro successo quotidiano dipende dalla qualità delle persone che lavorano nel nostro Studio, è per questo che crediamo nel valore e nel potenziale umano.
Essendo le nostre realtà in continua espansione siamo sempre pronti ad investire su nuove risorse.
Entra a far parte del nostro Team! Inviaci il tuo curriculum vitae, valuteremo con attenzione la tua candidatura con l’obiettivo di coinvolgerti nelle nostre ricerche di personale.






    ALLEGA CURRICULUM VITAE

    Esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali al fine che venga fornito il servizio o eseguita la prestazione richiesta

    Lavora con noi - Work with us
    Close