Fattura elettronica, stabilite le modalità di conferimento delle deleghe

Emanato il provvedimento direttoriale n. 117689 del 13 giugno 2018 che stabilisce le modalità di conferimento delle deleghe per l’utilizzo dei servizi di fatturazione elettronica. Il contribuente può scegliere di delegare uno o più intermediari abilitati, di cui all’art. 3, comma 3, del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322, all’utilizzo di tutti i servizi connessi al processo di fatturazione elettronica, consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici ovvero registrazione dell’indirizzo telematico, compresa la generazione del codice QR-Code per l’acquisizione automatica delle informazioni anagrafiche IVA del soggetto delegante.

Il provvedimento prevede in particolare quanto segue:

  1. attraverso la delega al servizio di “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici”, il contribuente può delegare uno o più intermediari, di cui all’art. 3, comma 3, del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322, all’utilizzo di tutti i servizi connessi al processo di fatturazione elettronica;
  2. per i contribuenti che non volessero conferire una delega di tale portata, resta la possibilità di delegare, separatamente, uno o più intermediari ai servizi di “Registrazione dell’indirizzo telematico”, per indicare al SdI (Sistema di Interscambio) “l’indirizzo telematico” preferito per la ricezione dei file contenenti le fatture elettroniche, e di “Consultazione dei dati rilevanti ai fini IVA”, per la consultazione dei dati relativi al cosiddetto “nuovo spesometro” (identificativi fiscali controparti, data e numero della fattura, imponibile, aliquota e imposta o natura dell’operazione ai fini Iva) delle fatture elettroniche ovvero dei dati delle fatture transfrontaliere, dei prospetti di liquidazione trimestrale dell’Iva, degli elementi di riscontro, prodotti dall’Agenzia, fra quanto comunicato con i prospetti di liquidazione trimestrale dell’Iva e i dati delle fatture emesse e ricevute;
  3. il QR-Code potrà essere generato anche da un intermediario in possesso di una qualsiasi delle deleghe all’utilizzo dei servizi “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici”, “Registrazione dell’indirizzo telematico”, “Consultazione dei dati rilevanti ai fini IVA”, “Cassetto fiscale delegato”;
  4. è infine fatta salva la possibilità di delegare qualunque soggetto, anche diverso dagli intermediari di cui sopra, all’utilizzo del servizio gratuito reso disponibile dall’Agenzia per predisporre e trasmettere tramite SdI fatture elettroniche attraverso le funzionalità rese disponibili nel portale dedicato alla Fatturazione Elettronica, nonché per gestire il servizio di conservazione di tutte le fatture elettroniche emesse e ricevute attraverso il SdI.

Il conferimento della delega all’intermediario abilitato può essere effettuato direttamente dal cedente/prestatore o dal cessionario/committente:

  1. attraverso le funzionalità rese disponibili agli utenti Entratel/Fisconline all’interno della propria area riservata, ovvero
  2. presentando l’apposito modulo di delega/revoca presso l’Ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

La durata della delega può essere stabilita dal soggetto delegante all’atto del suo conferimento, mentre, in assenza di tale indicazione, la durata sarà pari a 4 anni. La delega potrà essere revocata in qualsiasi momento, con le stesse modalità con cui è stata conferita.

logo