Il Cndcec chiede l’integrale deducibilità dell’Imu

Riforma del catasto, valorizzazione ridotta ai fini delle imposte di possesso degli immobili soggetti a inutilizzo prolungato, estensione generalizzata del meccanismo del “prezzo–valore”, parità di trattamento ai fini delle imposte sui redditi degli immobili utilizzati nell’esercizio di imprese e nell’esercizio di arti e professioni, riaccorpamento della Tasi nell’Imu, integrale deducibilità dell’Imu ai fini delle imposte sui redditi: sono alcune proposte lanciate ieri dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili in materia di fiscalità immobiliare nel corso di una audizione che si è tenuta presso la Commissione bilaterale di vigilanza sull’Anagrafe tributaria.

Per quanto attiene in particolare la deducibilità dell’Imu ai fini delle imposte sui redditi, il Cndcec ha espresso “apprezzamento” per le scelte operate dall’attuale Governo nell’ultima manovra di bilancio (Legge 30 dicembre 2018, n. 145) e più recentemente nel decreto “crescita” (D.L. 30 aprile 2019, n. 34), per effetto delle quali è già previsto un graduale aumento nei prossimi anni della soglia di deducibilità dell’Imu, fino ad arrivare al 70 per cento. Al riguardo, è stato rivolto un invito al Legislatore a “confermare la giusta attenzione posta sul tema e di pervenire quanto prima al 100% di deducibilità, compatibilmente con il quadro di finanza pubblica”.

Si ricorda infatti che dopo l’intervento della Legge di Bilancio 2019 sulla misura della deducibilità dell’IMU pagata per gli immobili strumentali (dal 20 al 40 per cento), con il citato decreto “crescita” il Legislatore è nuovamente intervenuto in merito, ritoccando al rialzo la menzionata misura già a decorrere dal periodo d’imposta 2019 (Modello Redditi/2020).

In particolare, nel Modello Redditi/2019 (anno d’imposta 2018) la misura della deducibilità del tributo in trattazione resta al 20%, mentre si passerà al 50% dal periodo d’imposta 2019, al 60% per gli anni 2020 e 2021, fino ad arrivare al 70% nel 2022 (Modello Redditi/2023).

logo