Il Mef cancella dal Registro oltre 12mila revisori

Con un decreto del 3 maggio 2019 il Ministero dell’Economia e delle Finanze-Ragioneria Generale dello Stato ha disposto la cancellazione dal Registro dei revisori legali di 12.554 persone fisiche, già sospesi dal Registro, a causa del mancato versamento del contributo annuale di iscrizione al Registro ai sensi dell’art. 21, comma 7, del D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 39.

Avverso tale provvedimento è ammesso ricorso al Tribunale Ordinario di Roma entro i termini previsti dalla normativa vigente, decorrenti dalla data di comunicazione del provvedimento stesso. Al riguardo si ricorda quanto segue:

  1. ai sensi del richiamato art. 21, comma 7, del D.Lgs. n. 39/2010:
    a. lo svolgimento delle funzioni attribuite al Mef è finanziato dai contributi degli iscritti al Registro;
    b. questi ultimi sono tenuti al versamento dei contributi entro il 31 gennaio di ciascun anno;
    c. in caso di omesso o ritardato pagamento dei contributi, il Ministero può adottare i provvedimenti di cui all’art. 24-ter;
  2. con i provvedimenti 9 gennaio 2018, n. 2414 e 10 gennaio 2018, n. 3970, era stata disposta la sospensione dal Registro dei revisori legali di 14.408 revisori persone fisiche che alla data del 31 dicembre 2017 risultavano non aver adempiuto al versamento del contributo di iscrizione al Registro per almeno un’annualità nel periodo 2013-2017.
logo