Iva al 4% su mobili ed elettrodomestici rivolti a facilitare l’autosufficienza dei portatori di handicap

|

Spetta l’aliquota Iva del 4% per l’acquisto di elettrodomestici e mobili rivolti a facilitare l’autosufficienza del contribuente affetto da una grave limitazione dell’autonomia deambulatoria, qualora egli produca un apposito verbale di accertamento dell’handicap grave (ai sensi dell’art. 3, comma 3, della Legge 5 febbraio 1992, n. 104) e possieda i requisiti di cui all’art. 4 del D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, con diagnosi di paraplegia postchirurgica: lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con la Risposta all’istanza di interpello 24 ottobre 2019, n. 422. Tale conclusione si fonda sui seguenti elementi:

  1. per effetto dell’art. 2, comma 9, del D.L. 31 dicembre 1996, n. 669, l’aliquota Iva agevolata “si applica anche ai sussidi tecnici ed informatici rivolti a facilitare l’autosufficienza e l’integrazione dei soggetti portatori di handicap di cui all’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104”;
  2. come già chiarito con la Risoluzione 3 maggio 2005, n. 57/E, con la citata disposizione il Legislatore ha inteso estendere le agevolazioni già previste per gli ausili in senso stretto anche a prodotti di comune reperibilità che possono migliorare l’autonomia delle persone con disabilità;
  3. ai sensi dell’art. 2, comma 1, del D.M. 14 marzo 1998, si considerano sussidi tecnici e informatici rivolti a facilitare l’autosufficienza e l’integrazione dei soggetti portatori di handicap le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti ad assistere la riabilitazione o a facilitare la comunicazione interpersonale, l’elaborazione scritta o grafica, il controllo dell’ambiente e l’accesso alla informazione e alla cultura in quei soggetti per i quali tali funzioni sono impedite o limitate da menomazioni di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio;
  4. ne deriva che l’agevolazione in esame dev’essere riconosciuta con riferimento a tutti i beni per i quali il medico specialista attesti, sulla base di una valutazione tecnica, che sussiste un collegamento funzionale tra la patologia diagnosticata e gli effetti migliorativi che i sussidi che si intendono acquistare possano apportare alle sue esigenze di vita.

Per i medesimi beni è riconosciuta inoltre la detrazione Irpef prevista dall’art. 15, comma 1, lettera c), del Tuir: in particolare, per le spese riguardanti i sussidi tecnici e informatici e l’acquisto di cucine, è possibile fruire della detrazione soltanto se sussiste il collegamento funzionale tra il sussidio tecnico informatico e lo specifico handicap. Tale collegamento deve risultare dalla certificazione rilasciata dal medico curante o dalla prescrizione autorizzativa rilasciata dal medico specialista dell’Azienda sanitaria locale di appartenenza, richiesta dal D.M. 14 marzo 1998.

Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano
CF e PIVA 04713120964
Iscritti all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano.

Lavora con noi

Il nostro successo quotidiano dipende dalla qualità delle persone che lavorano nel nostro Studio, è per questo che crediamo nel valore e nel potenziale umano.
Essendo le nostre realtà in continua espansione siamo sempre pronti ad investire su nuove risorse.
Entra a far parte del nostro Team! Inviaci il tuo curriculum vitae, valuteremo con attenzione la tua candidatura con l’obiettivo di coinvolgerti nelle nostre ricerche di personale.






    ALLEGA CURRICULUM VITAE

    Esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali al fine che venga fornito il servizio o eseguita la prestazione richiesta

    Lavora con noi - Work with us
    Close