Misure anti-Covid: nuove zone bianche. Nuove regole consumo al tavolo

A partire da oggi, 7 giugno 2021, quattro nuove Regioni entrano in zona bianca: si tratta di Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto, che si aggiungono a Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Fino al 21 giugno, in zona bianca il consumo al tavolo negli spazi al chiuso è consentito per le attività dei servizi di ristorazione per un massimo di sei persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi.

La nuova classificazione regionale e le nuove misure applicabili nelle zone bianche sono state decise con due Ordinanze firmate il 4 giugno 2021 dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, e poi pubblicate in Gazzetta Ufficiale.

Si ricorda inoltre che, ai sensi del D.L. 18 maggio 2021, n. 65, nelle zone bianche non si applica il cd. “coprifuoco”, mentre, a partire da oggi, nelle zone gialle il limite orario si sposta dalle ore 24.00 alle 5.00, per essere poi abolito dal prossimo 21 giugno.

La ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle diverse aree di criticità risulta quindi essere, a partire dal 7 giugno 2021, la seguente:

Area di criticità Regioni
Bianca Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Molise, Sardegna, Umbria, Veneto.
Gialla Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Puglia, Sicilia, Toscana, Valle d’Aosta.
Arancione Nessuna Regione e Provincia autonoma.
Rossa Nessuna Regione e Provincia autonoma.

Per chiarimenti sull’applicazione di tali disposizioni è possibile consultare le FAQ pubblicate dal Governo sul proprio sito.

logo