Rottamazione-ter: versamento della rata entro il 28 febbraio con 5 giorni di “tolleranza”

Entro il 28 febbraio dovrà essere versata la rata prevista dal piano dei pagamenti (già comunicato da Agenzia delle Entrate-Riscossione nei mesi scorsi, insieme ai relativi bollettini) disposti nell’ambito della rottamazione-ter: lo ha ricordato la medesima Agenzia attraverso un comunicato stampa pubblicato sul proprio sito.

Al riguardo si precisa quanto segue:

  1. il mancato, insufficiente o tardivo pagamento anche di una sola rata, oltre la tolleranza di 5 giorni prevista per legge, determina l’inefficacia della definizione agevolata, il debito non potrà essere più rateizzato e l’agente della riscossione dovrà riprendere le azioni di recupero;
  2. una copia della “Comunicazione delle somme dovute”, con i relativi bollettini, può essere chiesta sul portale agenziaentrateriscossione.gov.it;
  3. la rata potrà essere pagata in banca, presso gli sportelli bancomat (ATM) abilitati ai servizi di pagamento Cbill, con il proprio internet banking, presso uffici postali, le tabaccherie aderenti a Banca 5 SpA e tramite i circuiti Sisal e Lottomatica, sul portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it e con l’App Equiclick tramite la piattaforma PagoPa oppure direttamente agli sportelli;
  4. è inoltre ammessa la compensazione con i crediti commerciali non prescritti, certi, liquidi ed esigibili (crediti certificati) maturati per somministrazioni, forniture, appalti e servizi nei confronti della Pubblica Amministrazione.
logo