Sale da gioco obbligate a rispettare gli orari di apertura stabiliti dal Sindaco

Con la sentenza 24 gennaio 2019, n. 4509, depositata lo scorso 1° luglio, la terza sezione del Consiglio di Stato ha confermato l’obbligo per le case da gioco di rispettare gli orari di apertura stabiliti dal Sindaco; in particolare, i giudici di Palazzo Spada hanno sottolineato che è legittima la prescrizione, inserita nella licenza per l’esercizio di attività di gioco lecito rilasciata dalla Questura, che prevede che “devono essere rispettati gli orari imposti dal Sindaco in materia di apertura degli esercizi pubblici localizzati nel territorio. Il cartello dell’orario dell’attività deve essere esposto ben visibile al pubblico, all’ingresso del locale”.

A tal fine si richiama la sentenza n. 4867/2018, con la quale i giudici amministrativi affermarono l’esistenza in capo all’amministrazione comunale non solo e non tanto di una legittimazione, ma di un vero e proprio obbligo a porre in essere interventi limitativi nella regolamentazione delle attività di gioco.

logo