Ulteriori contributi a fondo perduto, tax credit affitti e proroga smart working

|

Il decreto “Sostegni-bis”, che dovrebbe essere varato in settimana dal Consiglio dei Ministri, conterrà, secondo quanto si legge nelle prime bozze in circolazione, misure per il sostegno alle imprese e all’economia, abbattimento dei costi fissi, accesso al credito e alla liquidità delle imprese, tutela della salute, misure per la sicurezza, politiche sociali ed enti territoriali.

La bozza del decreto prevede, tra l’altro:

  1. il riconoscimento di ulteriori contributi a fondo perduto, da calcolarsi secondo un “doppio binario”: in automatico o in base all’ammontare delle perdite determinato sulla base del fatturato o dei corrispettivi;
  2. un credito d’imposta del 60 per cento, per la durata di 5 mesi (da gennaio a maggio 2021), sui canoni di locazione sostenuti dalle imprese;
  3. la proroga fino al 30 settembre 2021 dello smart working nel settore privato;
  4. l’istituzione di un fondo da 600 milioni da destinare ai Comuni ai fini della riduzione della Tari a beneficio delle attività economiche colpite dalle disposizioni anti-Covid;
  5. agevolazioni per i giovani under 36 che intendono acquistare la prima casa attraverso l’apposito fondo di garanzia: la bozza dispone infatti l’esenzione dall’imposta di registro e dalle imposte ipotecaria e catastale;
  6. il rinvio al 2022 della plastic tax.

Per quanto riguarda in particolare i contributi a fondo perduto, sarebbe previsto il riconoscimento di un ulteriore contributo a favore dei soggetti già beneficiari di quello previsto dall’art. 1 del D.L. 22 marzo 2021, n. 41 (decreto “Sostegni”), del medesimo importo riconosciuto in precedenza, in automatico e senza la presentazione di un’ulteriore istanza. Tale contributo sarebbe erogato direttamente dall’Agenzia delle Entrate, a condizione che i destinatari abbiano, alla data di entrata in vigore del decreto, la partita IVA attiva e non abbiano già restituito il precedente contributo, ovvero esso non risulti indebitamente percepito.

In alternativa, verrebbe riconosciuto un contributo a fondo perduto ai titolari di partita IVA che nel secondo periodo d’imposta antecedente l’entrata in vigore del decreto non abbiano registrato ricavi superiori ai 10 milioni di euro e che abbiano subìto una perdita del fatturato medio mensile di almeno il 30% nel periodo compreso dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021 rispetto al periodo compreso tra il 1° aprile 2019 e il 31 marzo 2020.

A tale differenza dovrà poi essere applivata una percentuale prevista con riferimento a diversi scaglioni di ricavi/compensi: 60% fino a 100 mila euro; 50% da 100 mila a 400 mila euro; 40% da 400 mila fino a 1 milione; 30% da 1 milione fino a 5 milioni; 20% da 5 milioni a 10 milioni). Per tutti i soggetti, l’importo del contributo non potrà essere superiore a 150 mila euro.

Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano
CF e PIVA 04713120964
Iscritti all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano.

Lavora con noi

Il nostro successo quotidiano dipende dalla qualità delle persone che lavorano nel nostro Studio, è per questo che crediamo nel valore e nel potenziale umano.
Essendo le nostre realtà in continua espansione siamo sempre pronti ad investire su nuove risorse.
Entra a far parte del nostro Team! Inviaci il tuo curriculum vitae, valuteremo con attenzione la tua candidatura con l’obiettivo di coinvolgerti nelle nostre ricerche di personale.






    ALLEGA CURRICULUM VITAE

    Esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali al fine che venga fornito il servizio o eseguita la prestazione richiesta

    Lavora con noi - Work with us
    Close