Cinque per mille, entro martedì prossimo la richiesta di iscrizione

Scadrà il prossimo 7 maggio il termine di presentazione della richiesta di prima iscrizione nell’elenco (tenuto dall’Agenzia delle Entrate) dei soggetti che intendono partecipare al riparto della quota del 5 per mille dell’Irpef.

Al riguardo si precisa quanto segue:

  1. la domanda dev’essere presentata esclusivamente in via telematica utilizzando i servizi Fisconline o Entratel;
  2. sono tenuti all’adempimento gli enti di volontariato, le Onlus e le associazioni sportive dilettantistiche (di cui all’art. 1 del D.P.C.M. 23 aprile 2010) che intendono partecipare al riparto;
  3. non sono invece tenuti a trasmettere nuovamente la domanda gli enti regolarmente iscritti nel 2018, nonché quelli già presenti nel primo elenco permanente pubblicato lo scorso anno e comprensivo degli iscritti 2017;
  4. resta l’obbligo di presentare una nuova dichiarazione sostitutiva solo nel caso in cui il rappresentante legale sia cambiato rispetto a quello che aveva firmato la dichiarazione sostitutiva precedentemente inviata (per il 2017 e/o per il 2018).

Le finalità alle quali il contribuente può destinare il cinque per mille della propria Irpef sono:

  1. sostegno di uno dei seguenti enti (semprechè siano iscritti nell’apposito Registro unico nazionale, istituito dall’art. 4, comma 1, lettera m), della Legge n. 106/2016):
    • organizzazioni di volontariato;
    • associazioni di promozione sociale;
    • enti filantropici;
    • imprese sociali;
    • cooperative sociali;
    • reti associative;
    • società di mutuo soccorso;
    • fondazioni;
  2. ogni altro ente costituito in forma di associazione (riconosciuta o non riconosciuta) per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche, di utilità sociale, mediante lo svolgimento di una o più attività di interesse generale in forma volontaria e di erogazione gratuita di denaro, beni o servizi, di mutualità o di produzione o scambio di beni o servizi;
  3. finanziamento della ricerca scientifica e dell’università;
  4. finanziamento della ricerca sanitaria;
  5. sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza del contribuente;
  6. sostegno delle associazioni sportive dilettantistiche, riconosciute dal Coni ai fini sportivi, che svolgono una rilevante attività di interesse sociale;
  7. finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici (di cui all’art. 23, comma 46, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modifiche dalla Legge 15 luglio 2011, n. 111).
logo