Detrazione Iva: le Entrate spiegano tempi e modalità

Ai fini Iva, in presenza dei requisiti prescritti ai fini dell’emissione della nota di variazione in diminuzione, per effetto del richiamo all’art. 19 del D.P.R. n. 633/1972 (contenuto nel successivo art. 26 ), il diritto alla detrazione può essere esercitato al più tardi con la dichiarazione Iva relativa all’anno in cui tale diritto è sorto e alle condizioni esistenti al momento da cui si può esercitare il diritto stesso.

La nota di variazione, emessa entro detto termine:

  1. legittima l’emittente alla detrazione della relativa Iva, originariamente addebitata per rivalsa;
  2. obbliga il ricevente alla registrazione della stessa, ai sensi del quinto comma del richiamato art. 26 del decreto Iva.

È quanto ha precisato l’Agenzia delle Entrate con il Principio di diritto 14 febbraio 2020, n. 5 .

Nelle scorse settimane l’Agenzia aveva chiarito altresì che i termini per poter esercitare la detrazione dell’Iva (previa emissione della nota di variazione) decorrono dalla data del provvedimento con il quale il giudice dell’esecuzione ha approvato il piano di riparto da cui risulta l’infruttuosità della procedura (Risposta 30 gennaio 2020, n. 17).

In particolare:

  1. ai sensi del richiamato art. 19 del decreto Iva, come modificato dall’art. 2, comma 1, del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, convertito con modifiche dalla Legge 21 giugno 2017, n. 96, il diritto alla detrazione dell’Iva relativa ai beni e servizi acquistati o importati sorge nel momento in cui l’imposta diviene esigibile ed è esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto e alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo;
  2. con la Circolare 17 gennaio 2018, n. 1/E, fu affermato che, per quanto concerne le note di variazione in diminuzione, la nuova disciplina, contenuta nel D.L. 24 aprile 2017, n. 50, si applica alle note di variazione emesse dal 1° gennaio 2017, sempreché i relativi presupposti si siano verificati a decorrere dalla medesima data.
logo