Malattia dei professionisti, Cndcec e Anc apprezzano il ddl della “Consulta dei parlamentari commercialisti”

Ieri la “Consulta dei parlamentari commercialisti” ha presentato il primo disegno di legge trasversale sull’attività dei lavoratori autonomi e professionisti: si propone in particolare la sospensione della decorrenza dei termini relativi ad adempimenti a carico del libero professionista in caso di malattia o di infortunio.

L’iniziativa ha incontrato il consenso del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, che attraverso il suo presidente, Massimo Miani, ha apprezzato non soltanto il metodo ma anche il merito delle proposte avanzate. Anche per il consigliere nazionale delegato a “Compensi ed onorari professionali”, Giorgio Luchetta, si tratta di un’iniziativa che rappresenta “un segnale di inversione di tendenza e di un cambio di paradigma estremamente importante”.

Al riguardo si registra anche una presa di posizione dell’Anc (Associazione nazionale commercialisti), la quale – attraverso un comunicato stampa – ricorda che “da oltre due lustri chiede alla politica di sanare un vuoto normativo che lede gravemente il diritto dei professionisti alla tutela della salute, con la compromissione della qualità della loro vita e della possibilità di svolgere il proprio lavoro con la dovuta tranquillità”. La natura trasversale del disegno di legge – ha affermato il presidente dell’associazione, Marco Cuchel – “fa ben sperare sull’esito dell’iter parlamentare che ci si augura abbia tempi ridotti e si concluda positivamente”.

logo