Oltre 500 milioni per i grandi progetti di R&S

Saranno pubblicati a breve in Gazzetta Ufficiale i due decreti del Ministero dello Sviluppo economico che stanziano oltre 500 milioni di euro al fine di favorire nuovi investimenti in grandi progetti di ricerca e sviluppo. In particolare:

  1. sono stati  rifinanziati su tutto il territorio nazionale – attraverso i fondi FRI e FCS – interventi a favore delle imprese che investono in grandi progetti di ricerca e sviluppo nei settori “Agenda digitale” e “Industria sostenibile”;
  2. viene introdotto un nuovo incentivo a favore dei progetti di ricerca e sviluppo promossi nell’ambito delle aree tecnologiche “Fabbrica intelligente”, “Agrifood” e “Scienze della vita”.

Vi possono accedere le imprese che svolgono attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria in tutto il territorio nazionale, con una riserva di 50 milioni dedicata alle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. In materia si ricorda che:

  1. per “Fabbrica intelligente” si intende il settore applicativo della Strategia nazionale di specializzazione intelligente che fa riferimento a soluzioni tecnologiche destinate all’ottimizzazione dei processi produttivi e di automazione industriale, alla gestione integrata della logistica in rete, alle tecnologie di produzione di prodotti realizzati con nuovi materiali, alla meccatronica, alla robotica, all’utilizzo di tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) avanzate per la virtualizzazione dei processi di trasformazione e a sistemi per la valorizzazione delle persone nelle fabbriche;
  2. con un decreto del 5 giugno 2019, il Ministero dello Sviluppo economico aveva deliberato lo stanziamento di ulteriori risorse a favore del Fondo per la crescita sostenibile, al fine di sostenere nuove iniziative nell’ambito dei progetti “Fabbrica intelligente” e “Agrifood”;
  3. in relazione al precedente bando “Fabbrica intelligente, Agrifood e Scienze della vita”, le graduatorie definitive furono approvate con il Decreto Direttoriale 7 marzo 2019.
logo