Onere del cliente di indicare analiticamente i minimi o massimi tariffari ritenuti violati

da

in

Qualora il cliente ritenga che il professionista abbia violato i minimi o i massimi tariffari, in sede di ricorso in Cassazione ha l’onere di specificare analiticamente le voci e gli importi considerati; in difetto, il ricorso è inammissibile. Occorre quindi l’indicazione dell’ammontare delle voci di tariffa che inducono a ritenere superati i limiti massimi previsti in relazione al valore della controversia. È quanto affermato dalla quinta sezione tributaria della Corte di Cassazione con l’ordinanza 19 settembre 2019, n. 5818, depositata lo scorso 3 marzo.

La pronuncia appare in linea con un orientamento ormai consolidato che si è affermato presso la giurisprudenza di legittimità: in tal senso, infatti, rilevano le pronunce della Suprema Corte 21 dicembre 2017, n. 30716, 7 agosto 2009, n. 18086, e 16 febbraio 2007, n. 3651.

Lavora con noi

lavora con noi

Il nostro successo quotidiano dipende dalla qualità delle persone che lavorano nel nostro Studio, è per questo che crediamo nel valore e nel potenziale umano.
Essendo le nostre realtà in continua espansione siamo sempre pronti ad investire su nuove risorse.
Entra a far parte del nostro Team! Inviaci il tuo curriculum vitae, valuteremo con attenzione la tua candidatura con l’obiettivo di coinvolgerti nelle nostre ricerche di personale.






    ALLEGA CURRICULUM VITAE

    Esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali al fine che venga fornito il servizio o eseguita la prestazione richiesta

    Lavora con noi - Work with us
    Close