Slitta il decreto “Sostegni-bis” con i nuovi contributi a fondo perduto

Il varo del decreto “Sostegni-bis” potrebbe slittare alla prossima settimana: sarebbero infatti ancora più di uno gli aspetti sui quali non è stato raggiunto un accordo in maggioranza, in particolare per quanto riguarda i criteri per la concessione dei nuovi contributi a fondo perduto.

Tra le principali novità contenute nella bozza del provvedimento si segnalano:

  1. la previsione di ulteriori contributi a fondo perduto;
  2. la proroga fino al 31 maggio 2021 del credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo e affitto d’azienda a favore delle imprese turistico-ricettive, delle agenzie di viaggio e dei tour operator;
  3. la possibilità di ridurre la Tari a favore delle categorie economiche interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività;
  4. l’estensione al 2021 il credito d’imposta del 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati a decorrere dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, da imprese, lavoratori autonomi e enti non commerciali a favore di leghe e società sportive professionistiche, nonché di società ed associazioni sportive dilettantistiche;
  5. il rinvio al 1° gennaio 2022 della data – prevista dall’art. 1, comma 652, della legge di Bilancio 2020 (Legge 27 dicembre 2019, n. 160) a decorrere dalla quale sarà operativa la plastic tax;
  6. l’introduzione di alcune modifiche alla disciplina relativa alle agevolazioni previste per la conversione delle DTA in crediti d’imposta (art. 1, commi 233243, Legge 30 dicembre 2020, n. 178 – legge di Bilancio 2021).

 

logo