Tax credit edicole, domande dal 1° settembre

Per accedere al credito d’imposta riconosciuto a favore degli esercenti attività commerciali che operano nel settore della vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici, occorre presentare in via telematica un’apposita istanza tra il 1° settembre e il 30 settembre di ciascuno dei due anni nei quali si applica la misura (cioè 2019 e 2020): lo prevede ilD.P.C.M. 31 maggio 2019 , pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale.

Al riguardo si ricorda che:

  1. la misura fu introdotta dall’art. 1, commi da 806 a 808 , della legge di Bilancio 2019 (Legge 30 dicembre 2018, n. 145);
  2. entro il 31 dicembre di ciascuno dei due anni, il Dipartimento per l’informazione e l’editoria predisponga l’elenco dei soggetti in possesso dei requisiti cui è riconosciuto il credito d’imposta, con il relativo importo spettante. Tale elenco dev’essere pubblicato sul sito istituzionale del Dipartimento ed inviato all’Agenzia delle Entrate;
  3. possono usufruire dell’agevolazione in commento:
    a. gli esercenti attività commerciali che operano esclusivamente nel settore della vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici;
    b. gli esercenti attività commerciali di vendita di merci abilitati alla vendita di quotidiani o periodici alle condizioni stabilite dall’art. 2, comma 3 , del D.Lgs. 24 aprile 2001, n. 170 (cosiddetti “punti vendita non esclusivi”), a condizione che tale attività commerciale rappresenti l’unico punto vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici nel comune di riferimento.
logo